25 e 28 novembre 2014

Presentazione libro (pdf)

25 e 28 novembre (pdf)

In occasione del 25 novembre Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne il Centro Antiviolenza L’Albero di Antonia di Orvieto indice due iniziative pubbliche:

25 Novembre ore 17.30 Torre del Moro 
Flash Mob e banchetto informativo 
per il Flash Mob abbigliamento nero e sciarpa rossa 
  
28 Novembre ore 17.00 Sala consiliare Comune di Orvieto 
Nel dominio del padre. Bambini e bambine ostaggi delle separazioni 
Presentazione del libro di Daniela Lucatti, Elena Liotta, Massima Baldocchi
Interverranno le autrici Lucatti e Liotta
  
Parteciperà Beppe Pavan
 associazione Uomini in Cammino e associazione Maschile Plurale 

Il 17 dicembre 1999, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato il 25 novembre come Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne e ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG a organizzare attività per sensibilizzare l'opinione pubblica in quel giorno. Questa data ricorda il brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, donne rivoluzionarie che tentarono di contrastare il regime di R.L. Trujillo, spietato dittatore della Repubblica Dominicana.
 
A distanza di quindici anni, la condizione delle donne in tutto il pianeta è tuttora tragica e inaccettabile. La violenza macroscopica esercitata su donne e bambine nei paesi emergenti è sotto gli occhi di tutti, ogni giorno: donne oppresse, invisibili, mutilate, stuprate, uccise. Condannate a morte da tribunali che perpetuano il concetto della donna come mera proprietà dell’uomo. Ragazze rapite e rivendute come “spose” a sedicenti rivoluzionari. L’elenco sarebbe lunghissimo.
Tuttavia il mondo occidentale non può chiamarsi fuori dal senso profondo di questi orrori. Se è vero che da noi forme così estreme e ancestrali non sono riconosciute dalla società civile, il femminicidio è diffusissimo e praticato ad ogni latitudine.
 
Femminicidio: “La forma estrema di violenza di genere contro le donne, prodotto della violazione dei suoi diritti umani in ambito pubblico e privato, attraverso varie condotte misogine -maltrattamenti, violenza fisica, psicologica, sessuale, educativa, sul lavoro, economica, patrimoniale, familiare, comunitaria, istituzionale- che comportano l’impunità delle condotte poste in essere tanto a livello sociale quanto dallo Stato e che, ponendo la donna in una posizione indifesa e di rischio, possono culminare con l’uccisione o il tentativo di uccisione della donna stessa, o in altre forme di morte violenta di donne e bambine: suicidi, incidenti, morti o sofferenze fisiche e psichiche comunque evitabili, dovute all’insicurezza, al disinteresse delle Istituzioni e alla esclusione dallo sviluppo e dalla democrazia». (Marcela Lagarde)
 
Il concetto di femmicidio si estende al di là della definizione giuridica di assassinio ed include quelle situazioni in cui la morte della donna rappresenta l'esito/la conseguenza di atteggiamenti o pratiche sociali misogine.” (Diana Russell)
 
Quando parliamo di femminicidio quindi non stiamo semplicemente indicando che è morta una donna, ma che quella donna è morta per mano di un uomo in un contesto sociale che permette e avalla la violenza degli uomini contro le donne.  Inoltre, quando parliamo di femminicidio, parliamo del culmine di una violenza che non esplode all’improvviso, ma che l’aggressore ha già rivolto contro quella o altre donne in molte altre forme.
 
Quale senso dare dunque oggi alla giornata internazionale del  25 novembre? Non certo quello di una ricorrenza. Forse solo un giorno in cui, in tutto il pianeta, le singole voci – delle donne, dei Centri Antiviolenza, delle ONG, de* cittadin* – si uniscono in un’unica grande voce per gridare il loro NO alla violenza sulle donne.

 associazione Uomini in Cammino e associazione Maschile Plurale

Arteterapia al Centro Antiviolenza

Arteterapia per le donne che frequentano il Centro Antiviolenza L’Albero di Antonia

30 ottobre - inizia la III° edizione del laboratorio espressivo al Centro

Laboratorio espressivo di pittura

e altre tecniche creative

Il Centro Antiviolenza L’Albero di Antonia vince il bando 8X1000 della Chiesa Evangelica Valdese

Tra le tante realtà sostenute dall’8×mille dalla Chiesa Evangelica Valdese in Italia e nei Paesi in via di sviluppo quest’anno c’è anche il Centro Antiviolenza regionale di Orvieto.

ORARI DI APERTURA AUTUNNO 2018

Il Centro è aperto nei seguenti orari:

Il Centro è aperto nei seguenti orari:

Lunedi:      9.30 -12.30   -----   16.00 - 19.00

Martedi :    9.30 - 12.30  -----   15.30 - 18.00

Mercoledi : 9.30 - 12.30 

Giovedi :    9.00 - 15.00

Venerdi :    -----------------

Il momento del 5x1000 !

SOSTIENI IL CENTRO ANTIVIOLENZA

5 x mille all'Associazione Albero di Antonia

C.F. 90011880557

Le operatrici del Centro Antiviolenza dicono:

GRAZIE

La nuova APP per smartphone D.i.Re - scaricala gratis !

L'Albero di Antonia di Orvieto aderisce allo sciopero globale indetto per l'otto marzo.

25 novembre_flash mob

Il Centro Antiviolenza L’Albero di Antonia di Orvieto invita a partecipare al  presidio informativo presso il centro commerciale “Porta di Orvieto”

 

Laboratorio espressivo

Laboratorio espressivo di pittura e altre tecniche creative

per tutte le donne che hanno il desiderio di sperimentare con colori e altri materiali.

Non sono necessarie competenze specifiche

ogni venerdì dalle 16.00 alle 18.00

nella sede del Centro Antiviolenza
L’Albero di Antonia

Per ulteriori info chiamare al Centro : 0763 300944

CENTRO ANTIVIOLENZA

 

A ORVIETO

IL CENTRO DI ASCOLTO

PER DONNE CHE NON VOGLIONO PIU’ SUBIRE 

VIOLENZA

I nostri servizi

Un luogo dove ogni donna può trovare

Accoglienza e ascolto

Orientamento e supporto

Consulenza legale

per intraprendere il percorso di allontanamento dalla propria situazione violenta.